Scarica il pdf
Aggiungi agli appunti

AVVISO
Il testo sotto riportato viene generato da un processo automatico di "pulizia" del file originale, scritto in latex. Ha quindi un valore solo di anteprima. Per questo non è nemmeno selezionabile. Fate affidamento invece alla versione pdf sopra riportata e, nel caso aveste bisogno di versioni senza accordi o in tonalità diverse, create il vostro canzoniere.

Grigio sopra e sotto,
una lattina, un vetro rotto,
aria fritta che affitta ormai.
Traffico nel cielo, cartoline in bianco e nero,
tanti forse, forse troppi sai.
Mille occhi stanchi, spenti, bianchi,
senza luce, sempre avanti non ci si osserva mai.

Nomi numerati su cataloghi affollati, ripetiamo come automi noi,
siamo quel che siamo come pesci appesi a un amo,
siamo barche senza remo noi.
Voglio andare, fare, una scala per salire in alto
e respirare un mare verde e blu.

Io vorrei vivere sopra agli alberi,
vestirei le mie figlie con le foglie,
io vorrei crescere assieme agli alberi,
scenderei solo per dirti dai dai
non ti ho mentito mai mai su di noi.

La mattina presto intreccerei le foglie a cesto,
coglierei quei frutti rossi e poi,
senza che tu veda scioglierei nella rugiada
i tuoi ultimi ricordi e miei,
per pulire, rinfrescare, resettare, schiarire,
lavare via, la mia mente e la tua.

Io vorrei vivere sopra agli alberi,
vestirei le mie figlie con le foglie,
io vorrei crescere assieme agli alberi,
scenderei solo per dirti dai dai
non ti ho mentito mai mai su di noi,
su di noi.

Io vorrei vivere sopra agli alberi,
vestirei le mie figlie con le foglie,
io vorrei crescere assieme agli alberi,
scenderei solo per dirti dai dai
non ti ho mentito mai mai.

Io vorrei vivere sopra agli alberi,
vestirei le mie figlie con le foglie,
io vorrei rinascere assieme agli alberi,
tornerei solo per dirti dai dai
non ti ho mentito mai mai su di noi.